PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Sono pesi queste mie poesie, di Nika Turbina, Edizioni Via del Vento

Posted by paolo fichera su ottobre 29, 2008

È uscito il volume Sono pesi queste mie poesie, di Nika Turbina, traduzione dal russo e cura di Federico Federici (Edizioni Via del Vento, 2008, 36 p., Euro 4,00, ISBN 978-88-6226-017-6); ordini: info@viadelvento.it

Due foto: Nika Turbina da bambina e Nika Turbina, nella stessa posa. La frangetta che ricade sulle sopracciglia folte e la fronte aperta che si incunea tra due rocce di capelli. L’uomo noterà gli occhi della bambina fissati dalla malinconia; l’uomo noterà la bocca carnosa, il neo sopra il labbro evidenziato da altro trucco. In mezzo la stessa morte che è poi la stessa vita. Nasce nel 1974 e muore nel 2002. Il nostro tempo, quello della nostra vita e della nostra nascita e del nostro sopravviverle. E tutti i testi presentati, tranne quattro, scritti “fra i sette e i nove anni di età”. Qualcosa che sa di vertigine, che stordisce, che ci pone di fronte al punto fermo della nostra percezione di uomini e scrittori. Federico Federici è il curatore e traduttore del volume. Aggiungo, curatore e traduttore da anni e con amore, perché è d’amore che qui si parla. Amore anche nelle piccole cose, come il dire “scompare tragicamente a Mosca”, omettendo il suicidio più volte cercato e infine trovato dal poeta. Sono versi fusi dal dolore e dal tremore di fronte alla Bellezza della vita. Sono i versi di una Grazia che ci sovrasta, attraversa e si dilegua lasciando le pietre sul fondo a farsi levigare dal fiume, con la consapevolezza che fonte e foce non sono un inizio e una fine ma la stessa dimenticanza, come di chi ha già scritto i passi che un giorno percorrerà. (Paolo Fichera)

Per leggere e ascoltare poesie di Nika Turbina QUI

About these ads

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 27 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: