PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Archive for marzo 2010

“Grazia De’ Fiori” Simone Franco, Simone Giorgino e Orodè Deoro

Pubblicato da paolo fichera su marzo 20, 2010

Omaggio a Carmelo Bene, nell’ottavo anniversario della sua morte.

16 marzo 2010, Fondo Verri di Lecce.

Un estratto di “Grazia De’ Fiori”: performance pittorica di Orodè Deoro e letture dal poema beniano “‘L MAL DE’ FIORI” del poeta Simone Giorgino e dell’attore Simone Franco, con selezione musicale a cura degli stessi e di Andrea Cariglia.

Pubblicato in: ARTI LUNGO LE FRONTIERE | Leave a Comment »

Il golem è un sosia

Pubblicato da paolo fichera su marzo 19, 2010

Scena dal film muto Der Golem, wie er in die Welt kam (1920) di Paul Wegener

Nel racconto di Jorge Luis Borges c’è un uomo che guarda al golem, al simulacro che sta sognando. Nell’opera di Maria Korporal è viceversa il golem a guardare; e quanto appare riflesso dagli schermi è ciò che il suo occhio scruta. Ma il golem è anche un sosia, un’immagine di noi, emulsionata in una fisica dirimpetta, da un nostro atto immaginativo iniquo, in cui ci si plasmi, o per verità o per morte, assoluti, e senza nessuna variabile nell’ambito di questo spettro. Se il golem è anche questo, noi stessi, come sembra suggerire l’opera di Maria Korporal, ne risultiamo al suo occhio, simulacri che si sognano riflessi da una teoria di schermi. E come il golem, fantocci devoluti al loro stesso occhio, che si credono umani, inseguendo il sogno di apparire. E si ribellano solo nel caso in cui si voglia disinnescare la loro immagine, cancellando un’iniziale (Viviana Scarinci)

Pubblicato in: ARTI LUNGO LE FRONTIERE | Leave a Comment »

Che cos’è un golem?

Pubblicato da paolo fichera su marzo 18, 2010

di Maria Korporal

Che cos’è un Golem? In ebraico antico la parola sembra che abbia significato l’embrione umano, l’esistenza imperfetta prima della creazione. Il nome appare nella Bibbia al verso 16 del salmo 138: “I Tuoi occhi videro il mio golem…” Nella filosofia ebraica del medioevo il termine indicava materia viva ma ancora senza forma. Nella Germania del XII-XIII secolo i mistici hassidici sperimentavano un rito oscuro, dove il potere cabalistico dell’alfabeto ebraico veniva usato per manipolare la materia terrosa fino ad animarla, cioè a crearne un “golem”; una specie di simulazione della creazione di Adamo dal fango. Queste usanze mistiche e filosofiche diedero vita ad una serie di leggende sul Golem, che diventò uno dei più importanti temi del folklore ebraico e della letteratura yiddish. Queste leggende hanno in comune un rabbino o un cabalista che crea un fantoccio d’argilla, con sulla fronte scritta la parola EMETH, che vuol dire verità e che possiede il potere di animare la creatura. Il Golem può essere disattivato cancellando la prima lettera, facendolo crollare a terra sotto il potere di METH, cioè morte. In molte versioni il Golem viene creato per proteggere gli ebrei dai loro innumerevoli nemici sempre pronti alle calunnie antisemitiche e alle persecuzioni, in altre appare come automa o robot primitivo per aiutare nei lavori domestici. Di solito il Golem viene descritto come un simpatico e goffo individuo. Tuttavia, in quasi tutte le storie si arriva sempre ad un momento fatale: il rabbino dimentica di cancellare la lettera del potere per disattivare il Golem quando non serve, e il fantoccio d’argilla cresce a dismisura fino a scatenarsi e a minacciare il suo creatore. Alla fine si riesce sempre a sopraffare la creatura. Leggi il seguito di questo post »

Pubblicato in: ARTI LUNGO LE FRONTIERE | Leave a Comment »

“L’occhio del golem” di Maria Korporal

Pubblicato da paolo fichera su marzo 17, 2010

“voleva sognarlo con minuziosa interezza e imporlo alla realtà. (…) Lo sognò attivo, caldo, segreto, della grandezza d’un pugno serrato, color granata nella penombra d’un corpo umano ancora senza volto né sesso; con minuzioso amore lo sognò, durante quattordici lucide notti. Ogni notte lo percepiva con maggiore evidenza. Non lo toccava: si limitava ad esserne testimone, a osservarlo, talvolta a correggerlo con lo sguardo. Lo percepiva, lo viveva, da molte distanze e sotto molti angoli. La quattordicesima notte sfiorò con l’indice l’arteria polmonare e poi tutto il cuore, di fuori e di dentro. L’esame lo soddisfece.”

Le rovine circolari (Finzioni, 1944) di Jorge Luis Borges

Le fotografie si riferiscono a “L’occhio del golem” di Maria Korporal. L’opera la si potrebbe definire un’istallazione reale, in quanto occupa una porzione di spazio piuttosto rilevante e si sviluppa soprattutto in altezza. Come si evince dalle fotografie essa appare esternamente come un cilindro costituito da piccoli schermi, i quali riflettono lo sviluppo di un motivo unitario che segue la curvatura dell’esterno dell’opera. Il cilindro custodisce al suo interno l’occhio del golem (Viviana Scarinci)


Pubblicato in: ARTI LUNGO LE FRONTIERE | Leave a Comment »

LA POESIA NELLA RETE

Pubblicato da paolo fichera su marzo 13, 2010

PoesiaPresente e Poesia teXtura Festival 2010

Per il terzo anno consecutivo le associazioni Mille Gru (PoesiaPresente) e delleAli (Poesia teXtura Festival) incrociano le proprie strade. Dopo aver presentato, per la prima volta insieme, Mariangela Gualtieri e Mauro Ermanno Giovanardi (poesia e musica – 2008) e “Fra le mura”, di Maria Arena, con Rosaria Lo Russo e Daniela Orlando (poesia e danza – 2009), quest’anno il festival indagherà il rapporto tra “poesia, arti visive e nuove tecnologie” con Nanni Balestrini, Giovanni Fontana, Stefano Massari e Giacomo Verde (che per teXtura terrà anche un video-laboratorio).
La terza serata è dedicata espressamente al rapporto tra poesia e rete:

LA POESIA NELLA RETE
Spazi virtuali e immaginari poetici
A cura di Sebastiano Aglieco
Vimercate, Biblioteca civica, piazza Unità d’Italia 2 g
Sabato 17 aprile ore 15/19

Temi:
I blog più rappresentativi di poecast.
La poesia e i poeti in facebook.
Gli editori di poesia in rete.
Spazi personali e alternativi.
Arti e poesia: videopoesia, immagini, progetti di lettura.
Dalla rete alla carta stampata: due esperienze di critica letteraria e una antologia:
Radici delle isole, di Sebastiano Aglieco
Poesia e finitezza, di Stefano Guglielmin
Leggere variazioni di rotta, a cura di Liberinversi

Gli amici poeti, critici, editori, organizzatori di eventi che utilizzano la Rete come mezzo di fruizione e di diffusione della poesia, sono tutti invitati a partecipare direttamente alla serata per esporre la propria esperienza. Per esigenze organizzative è necessario rivolgersi a Sebastiano Aglieco scrivendo urgentemente a: narcyso@virgilio.it

Pubblicato in: POESIA | Leave a Comment »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 27 follower