PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Lev Rubinstejn (Mosca 1947), ll concettualismo moscovita

Posted by pasha39 su marzo 13, 2007

a cura di paolo galvagni

Elegia

      1.

A volte ti chiedi: “Ma è ancora possibile?” – e in quel momento sembra che sia possibile.

      2.

A volte sembra: “Be’, ciò non avrà mai fine!” – e, in effetti, non se ne vede la fine.

      3.

A volte ragioni se valga la pena di limitare l’ambito di un processo che scorre naturalmente. E in verità – ne vale la pena?

      4.

A volte non disturba per niente indicare la circostanza che qualcosa comunque accade. Ma qualcosa accade, no?

      5.

A volte occorre notare che al momento attuale tutto si è già formato tanto che, si può dire,  si delinea un quadro.  

      6.

A volte basta un solo sguardo fugace per capire se non tutto, almeno la cosa fondamentale.

  7.

A volte pensi: “Ebbene ora – devo prendere tutta la responsabilità per quanto accade? Sia pure. Ma poi che accadrà?”

      8.

A volte percepisci che c’è qualcosa che ti attira e al contempo ti respinge chiaramente. Vorresti sapere che cos’è.

  9.

A volte vorrai all’improvviso guardare dentro, ma là c’è qualcosa che sarebbe stato meglio non guardare.

      10.

A volte ti viene in mente qualcosa, dopo di che vai in giro fuori di te.

  11.

A volte ti appare qualcosa, che, come lo spieghi, va sempre nella stessa direzione.

      12.

A volte ti circondano le chimere da tutti i lati, le scacci, le scacci…

      13.

A volte pensi a qualsiasi cosa, eccetto che a quello a cui dovresti effettivamente pensare.

      14.

A volte all’improvviso capirai chiaramente che non ci sarà nulla oltre a quanti hai meritato, e allora tutto tornerà al suo posto.

      15.

A volte hai la sensazione che tutto stia per decidersi. Poi ricordi e pensi: “Be’, be’…”.

      16.

A volte sorge una tale sensazione che altrimenti è del tutto impossibile.

      17.

A volte t’immaginerai che cosa accadrebbe se tutto fosse diverso e tra te e te deciderai: “Ma che dire!” – e agiterai una mano.

      18.

A volte letteralmente tutta la notte rifletti sulle possibilità non realizzate, e non ti accorgi che giunge l’alba.

      19.

A volte è interessante sapere da dove appare la sicurezza che te la caverai in qualche modo.

      20.

A volte, ascoltando involontariamente le voci incomprensibili dietro il muro, capisci che probabilmente non c’è niente d’interessante, ma non appena l’orecchio si sforza, dio mio!

      21.

A volte ti avvicinerai a un gruppo che discute animatamente, sentirai di che si tratta e te n’andrai.

      22.

A volte qualcuno ti passerà accanto, ti dirà qualcosa alle spalle e scomparirà, ma non è poi importante se darai a ciò un significato o no.

      23.

A volte all’improvviso reagisci bruscamente a ciò che in un altro momento non noteresti neanche.

      24.

A volte all’improvviso capisci che non solo non arrivi alla fine, non arrivi neanche a metà. Si rimane male, certo.

      25.

A volte sorge all’improvviso un’idea folle: “Ebbene, forse devo dirlo?”

      26.

A volte aspetti il momento più adatto per esprimerti, ma non arriva mai.

      27.

A volte pensi tra te e te: “E allora, fratello, non ti decidi a esprimerti apertamente? È proprio così. Se no, accidenti, l’‘arte’, l’‘arte’…”

      28.

A volte a proposito di un’interpretazione perversa di questo o quell’enunciato, occorre dire: “Hanno capito come hanno capito. Dobbiamo forse spiegare?”.
 
      29.

A volte, alla rievocazione del nome di qualcuno, avverti di cambiare in volto, e temi che ciò sia notato dagli astanti.

      30.

A volte senti che dici o fai qualcosa di sbagliato, ma non riesci proprio a fermarti.

      31.

A volte tenti di essere massimamente prudente, ma non ci riesci.

      32.

A volte aspiri a raggiungere uno scopo nobile, disprezzando le inezie della vita, ma c’è comunque qualcosa che non va.

      33.

A volte, quando riesci a librarti sul mondo delle passioni, e vorresti dire qualcosa di consolatorio a quanti sono rimasti giù, ma invece allarghi le braccia sull’abisso e taci.

      34.

A volte ti rimane appiccicata una frase, cerchi di allontanartene. Ma invano: in essa forse è celato il senso misterioso di quanto avviene in quel dato momento.

      35.

A volte ti precipiti qui e là in cerca della quiete anelata, ma occorre aspettare e verrà tutto.

      36.

A volte ti sembra di avvicinarti a qualcosa, ma si allontana sempre più.

  37.

A volte, avvicinandoti a una linea recondita, rifletti un minuto e la varchi.

      38.

A volte non si può perdere letteralmente neanche un minuto, ma la tiriamo tanto per le lunghe.

      39.

A volte occorre chiaramente aspettare un po’, ma lo capisci solo dopo.

      40.

A volte guardi a lungo in lontananza, guardando qualcosa, riconoscendo qualcosa.

      41.

A volte guardi fissamente la semi oscurità, senza sperare di trovare, senza temere di perdere.

      42.

A volte urli, urli, e non senti te stesso.

      43.

A volte guardi, guardi attorno a te e dubiti della realtà di quanto accade. Ma è sbagliato, anche se è allettante.

      44.

A volte pensi, pensi, e viene una decisione positiva.

      45.

A volte aspetti, aspetti, e non c’è nulla, poi all’improvviso accade qualcosa.

      46.

A volte t’immagini che un rametto di nocciolo sia un segno di quanto è irrealizzabile, la pioggia interminabile – un segno dei tempi futuri, la luce spenta in una finestra sconosciuta – un segno dell’imperscrutabilità della strada.

  47.

A volte sospiri e pensi tra te e te. E poi sospiri di nuovo.

1983

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: