PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Intersezioni babeliche: 18-21 aprile

Posted by Mauro Daltin su marzo 29, 2007

intbab.png

Prigione

Conoscere una sola lingua
un solo lavoro
un solo costume
una sola civiltà
conoscere una sola logica
è prigione

(Ndjock Ngana)

Presentazione
“Intersezioni babeliche” è un progetto a previsione pluriennale che, per la durata di tre giorni, concentrerà sul territorio di San Daniele scrittori, poeti, personaggi della cultura, giornalisti, musicisti. Lo scopo sarà affrontare una tematica che sempre di più negli ultimi anni, sta diventando il simbolo di un meticciato sociale e culturale del nostro vivere quotidiano: il pluralismo linguistico e il lavoro di scrittori che nella loro esperienza artistica hanno scritto in più lingue. L’aspetto linguistico di una regione e di uno stato è una sorta di cartina tornasole dei problemi storici e sociali che quella regione o stato hanno vissuto. È anche una sorta di spia di molti problemi attuali del mondo, che si esprimono spesso come problemi linguistici. In questo senso basti pensare alla colonizzazione e ai rapporti tra le lingue, ai grandi flussi migratori, alle tematiche di dominio culturale a livello mondiale che si esprimono spesso come assunzione della lingua dei dominanti – anche con esempi storici, dal greco del periodo ellenistico, dal latino all’arabo del mondo islamico, fino all’inglese dei giorni nostri, ma anche della situazione delle lingue di minoranza in Friuli Venezia Giulia, Catalogna, Sardegna, Occitania e così via.
Partendo dalla considerazione che queste lingue dovrebbero avere all’interno del processo di integrazione europea, è importante comprendere il passaggio da una lingua all’altra in letteratura (fra lingue di minoranza a lingue ufficiali, intersezioni linguistiche e culturali in una persona che parla e scrive in più lingue, processo di colonizzazione linguistica ecc.) ed in particolare l’uso di più lingue da parte di uno scrittore durante la sua attività letteraria e culturale. Questo processo, per uno scrittore e un intellettuale, comporta un arricchimento ancora più significativo e importante sia a livello collettivo sia a livello personale.
Punto fondamentale nell’organizzazione di questa manifestazione saranno le quattro lingue attraverso cui si è deciso di comunicare: friulano, sloveno, tedesco e italiano.

Il progetto è sostenuto e patrocinato da: Regione Friuli Venezia Giulia; Città di San Daniele del Friuli – Citât di San Denêl; Associazione culturale “Elisa Mertens”

Staff organizzativo: Alessandra Kersevan, Mauro Daltin, Giovanni Fortunato, Manuela Bisconcin
Via Zugliano 42 – 33100 Udine
Tel. 0432530540 Fax: 0432530140
info@intersezionibabeliche.net

http://www.rivistapaginazero.net – per il programma
Per leggere il programma adesso:

PROGRAMMA DELLA PRIMA EDIZIONE
San Daniele del Friuli 18-21 Aprile 2007

MERCOLEDÌ 18 APRILE 2007

Aspettando… Intersezioni Babeliche Ore 20.45
Osteria Stadérie – Via Battisti
Reading Letture intrecciate. Letture in francese, tedesco, friulano, italiano, dialetto valsugano. Un intreccio di storie viaggiando tra le lingue.
Leggono: Maurizio Mattiuzza, Paolo Patui, Stefania Nonino
Accompagnamento musicale: Alessio Velliscig

GIOVEDÌ 19 APRILE 2007

Le vie di Babele Ore 17.30
Chiesa di Sant’Antonio – Via Garibaldi
Inaugurazione della manifestazione
Partecipano: Roberto Antonaz (Assessore alla Cultura, Sport e Pace – Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia), Gino Marco Pascolini (Sindaco del Comune di San Daniele), Maria Grazia Dall’Arche (Assessore alla Cultura del Comune di San Daniele), Alessandra Kersevan(Presidente dell’Associazione Culturale “Elisa Mertens”)
A seguire rinfresco.

Chiesa Sant’Antonio – Via Garibaldi Ore 20.45
Spettacolo Narrami il mondo… percorsi nelle lingue e nelle culture attraverso le fiabe. Un gruppo di donne straniere e non, affiancate da musicisti, che ha intrapreso un percorso di narrazione di fiabe in diverse lingue rivolgendosi ad un pubblico adulto: l’intreccio delle lingue, con i loro differenti suoni e ritmi, è l’elemento centrale di una narrazione che riconosce nella fiaba una forma espressiva universale e allo stesso tempo peculiare delle diverse culture.
Testi e voci: Cristina Benedetti, Gislaine De Lourdes, Yvonne Dohany, Paola Franceschini, Mirela Heba, Elena Kiseleva, Biliana Nicolin, Tiziana Perini, Marta Piccin, Ivančica Uravić
Musica e suoni: Luca Ruffino, Andrea Passerelli
Scene e immagini: Paola Franceschini, Marco Driussi

VENERDÌ 20 APRILE 2007

La frontiera delle parole
Ore 10.30 Auditorium alla Fratta – Via I. Nievo
Reading Letture intrecciate. Attori e autori leggono e interpretano per le classi delle scuole superiori di San Daniele scrittori e poeti di fama mondiale.
Leggono: Andrea Zuccolo, Leo Zanier, Cristina Benedetti, Arianna Zani, Rosa Maria Bollettieri Bosinelli, Claudio Moretti
Accompagnamento musicale: Lino Straulino

Ore 17.30 Palazzo Sonvilla – Via Garibaldi
Presentazione del libro Intersezioni babeliche. Lingue dominanti e lingue dominate nella letteratura (ed. Kappa Vu)
Il libro raccoglie saggi su scrittori che nella loro vita artistica hanno scritto in più lingue: A. Kristof, I. Andric, J. Joyce, B. Pahor, G. Orwell, P.P.Pasolini, A. Camilleri. Una presentazione a più voci sulle lingue della letteratura.
Partecipano: Leo Zanier, Božidar Stanišić, Angelo Floramo, R.M. Bollettieri Bosinelli
Modera: Maurizio Bait (Direttore Gazzettino di Udine)

Ore 21.00 Auditorium alla Fratta – Via I. Nievo
Concerto. Un doppio concerto fra Slovenia e Friuli: fra un folk-rock balcanico tra musica e teatro e un folk-rock in friulano.
Performance: Autodafè (Slovenia), JonoKognos (Friuli)

SABATO 21 APRILE 2007

Le lingue della mente
Ore 11.00 Biblioteca Guarneriana – Via Roma
Tavola rotonda tra editori che pubblicano in lingue diverse Austria, Slovenia, Friuli-Venezia Giulia: una conferenza trilaterale che vuole mettere a confronto tre realtà editoriali confinanti e plurilingui.
Partecipano: Alessandra Kersevan (editrice – Friuli-Venezia Giulia), Lenart Zajc (editore – Slovenia), Reinhard Kacianka (direttore editoriale – Austria)

Alle ore 17.00 Sala convegni museo – Via Udine
Conferenza sul tema Lingue che muoiono e lingue che nascono. Un dibattito a cavallo fra scienza, antropologia, sociologia che ha per tema le prospettive future delle lingue nelle società e nelle diverse culture.
Partecipano: Giovanni Caprara (scrittore, responsabile Settore Scientifico
Corriere della Sera), Diego Corraine (Direttore del Master in Comunicazione
dell’Università di Nuoro, direttore della casa editrice Papiros), Franco Fabbro (Preside Facoltà Scienze della Formazione dell’Università di Udine), Marco Stolfo (Direttore Servizio per le Identità Linguistiche e Culturali e per i corregionali all’estero – Regione Friuli-Venezia Giulia)
Modera: Gianpaolo Carbonetto (Capo-redattore delle pagine culturali del «Messaggero Veneto»)

Ore 21.30 Auditorium alla Fratta – Via I. Nievo
Concerto. Musica meticcia, fra tradizione popolare occitana e musica trobadorica, con i ritmi e i timbri elettronici della “jungle” e del “trip-hop”.
Performance: Gaisaber (Occitania)

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: