PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Osip Mandel’stam, da “Tristia”

Posted by pasha39 su marzo 29, 2007

a cura di paolo galvagni

La raccolta “Tristia” comprende le liriche scritte tra il 1916 e il 1920, uscì a Berlino nel 1922 presso la casa editrice Petropolis. Si tratta di una raccolta di attese escatologiche. L’autore percepisce che s’è conclusa un’epoca storica. La guerra e la rivoluzione sono percepite come processo di distruzione delle forme antiche, il che getta l’esistenza nel caos. Poiché il mondo si trova in uno stato crepuscolare, come di eclisse, anche il sole subisce una metamorfosi: in questo ciclo appare l’ossimoro del sole “notturno”, “nero”.

Lo spazio, qui modellato dall’autore, può essere interpretato come esistenza postuma della cultura, come vagabondaggio sepolcrale dell’animo. Il tratto principale di questo spazio è l’immaterialità. È un mondo di forme pure, di sagome diafane: “voci diafane”, “diafane le criniere di una mandria notturna”.
Si nota la tendenza dell’autore a unire nei suoi versi la contemporaneità con l’antichità classica. Valerij Brjusov, poeta simbolista, scrive: “In quale secolo è scritto il libro?… balena la contemporaneità, si parla del nostro secolo, si allude alla guerra europea… questi schizzi si offuscano dietro la nube di Persefone, Eraclio, Tesena”.
Il tema dell’amore. Si osserva che 15 delle 42 liriche di “Tristia” sono dedicate alla passione amorosa. Questo ciclo è la discesa nel mondo infernale di passioni fatali, che portano alla morte, al mondo dell’oblio. Esso si apre con variazioni sul tema di Fedra, il cui amore peccaminoso, marchiato dal sangue, comprende in sé i temi fondamentali della raccolta. Il poeta si dà alla passione, passa attraverso il suo fuoco distruttivo.

– Come mi grava nella mia onta
Lo sfarzo di questi veli e di questo paramento!

– Nella Tresena pietrosa accadrà
Una famosa sventura,
I gradini della scalinata imperiale
Arrossiranno per la vergogna
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
E per la madre innamorata
Il sole nero sorgerà.

– Oh, se l’odio fremesse nel mio petto –
Ma, vedete, la confessione è scappata di bocca.

– D’una nera fiamma Fedra avvampa
In pieno giorno.
La fiaccola sepolcrale manda fumo
In pieno giorno.
Temi tua madre, Ippolito:
Fedra – la notte – ti sorveglia
In pieno giorno.

– D’un amore nero ho macchiato il cielo…
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
– Noi temiamo, non osiamo
Soccorrere il dolore imperiale.
Offesa da Teseo,
La notte lo ha assalito.
Ma noi, accompagnando in casa
I defunti con un canto funebre,
Placheremo il sole nero
Di una passione selvaggia e insonne.

1915, 1916

***

– Ho smarrito il soave cammeo,
Non so dove, sulla riva della Neva.
Rimpiango la fascinosa romana, –
Mi avete detto voi quasi in lacrime.

Ma perché, stupenda georgiana, (*)
Inquietare le spoglie dei sepolcri divini?
Un altro lanuginoso cristallo di neve
S’è sciolto sul ventaglio delle ciglia.

E avete chinato il collo docile.
Non c’è il cammeo, non c’è la romana, ahimè!
Io rimpiango la bruna Tinatina, –
La Roma verginea sulla riva della Neva.

1916

Lirica rivolta a T. Džordžadze
———————————-
*) La Georgiana è Tinatina Džordžadze.

***

Ho freddo. La diafana primavera
Ammanta Pietropoli (*) di lanugine verde,
Ma, come Medusa, l’onda della Neva
Suscita in me una lieve nausea.
Sul litorale del fiume settentrionale
Sfrecciano le lucciole delle automobili,
Volano le libellule e i coleotteri d’acciaio,
Baluginano le spille dorate delle stelle,
Ma nessuna stella ucciderà
Il gravoso smeraldo dell’acqua marina.

1916

*) Antico nome di San Pietroburgo.

Una Risposta to “Osip Mandel’stam, da “Tristia””

  1. I really intend to book mark this posting, “Osip Mandelstam, da Tristia PaginaZero” on
    my personal website. Do you mind if perhaps I
    personallydo it? Thanks -Barbra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: