PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Fani Zguro

Posted by Mauro Daltin su marzo 30, 2007

zguro1.jpg

UNOROSSODUE
di Sergio Daolio Presenta

E X T E R M I N A T O R S | Fani Zguro
MiArt | fieramilanocity | 19.00
30.03 until 2.04.2007

Unorossodue
Via Boltraffio 12, 20159 Milano
tel/fax +39 02.365.117.94
mob +39 335.711.81.69
http://www.unorossodue.it
info@unorossodue.it

EXTERMINATORS è la serie di disegni a carbone realizzati sopra i rotoli di appunti scritti a mano per la raccolta di racconti “Mr. Dosti”, dell’ artista albanese Fani Zguro. Fuoriusciti dall’immaginario heavy-metal e dai suoi teschi, dove i denti e gli occhiali da sole rimangono gli ultimi segnali della presenza di un corpo, gli sterminatori sono anche i disinfestatori di insetti delle storie allucinate di William Burroughs.

Come insetti essiccati e seppelliti tra un foglio del rotolo e l’altro, le facce specchiotumorali degli sterminatori vengono a scarnificare Signor Dosti e i suoi fratelli. Non permettono più di leggere a chi guarda e non lasciano più pensare chi vorrebbe scrivere la storia di Quel…Non c’è più un finale e nemmeno una fine, non c’è speranza e sangue in circolo; ogni visione è sterminata…Non volevo che nessuno si preoccupasse di quei rotoli che compilavo di notte come fossero cedolini di biblioteca per topi da latte… invece iI fratello da vaudeville si ritirava avvolgenti presenze d’ombra invisibili ai miei occhi…In molte occasioni assistei a questo rito a bocca aperta…pochi minuti dopo chiacchieravano tranquillamente e controllavano le schede mentre gli sterminatori entravano…io adoperavo la mia macchina una Ford V8 nera e lavoravo da solo portando le mie bombole di piretro spray e i miei bulbi di fluoruro su e giù per le scale…“Sterminatore! Le serve il mio lavoro?”
Alberto Pesavento

english below
Exterminators is a series of charcoal drawings over the handwritten proof roll of Albanian artist Fani Zguro’s story collection “Mr. Dosti”. Straight out of heavy metal’s imagery, straight out of skulls, teeth and sunglasses sole witnesses of the presence of a body, Fani Zguro’s exterminators are also featured in some of William Burroughs’ hallucinated stories. Like dried-up bugs buried within the roll’s papers, the exterminators’ reflectumorous features come scarring Mr Dosti and his brothers. They prevent onlookers from reading, as they prevent the writer from pursuing the story of The Man Who… There’s no more ending, there’s no more end, there’s no more hope nor blood in the vessels; all vision is exterminated… I didn’t want anyone to care about the rolls I kept arranging at night as library cards for suckling mice… yet the vaudeville brother withdrew entwining dark presences, invisible to me… In many occasions did I witness such mouth-agape rites… A few minutes later they chit-chatted calmly, checking the cards while exterminators poured in… I used my car, a black Ford V8, working on my own, carrying my pirethrum spray cans and my fluoride bulbs up and down the stairways… “Exterminator! Any need for my job?”
translation by Vincenzo Latronico

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: