PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Scritture invisibili

Posted by Mauro Daltin su giugno 18, 2007

buran2.jpg

di Mauro Daltin

Oggi mi è arrivata una mail dalla redazione della rivista Buran che prima non conoscevo. Così un passo della mail: “Convinti delle potenzialità della Rete per superare confini e diversità, nella redazione di Buràn setacciamo il web mondiale, e traduciamo racconti che altrimenti resterebbero invisibili perché scritti in lingue non accessibili o perché perduti nel mare grande della Rete”. Allora mi sono convinto ad andare a sbirciare nelle pieghe di questo progetto che ho trovato molto curato, bello, interessante e con uno spirito giusto, meritevole insomma di essere segnalato. Dalla presentazione della rivista Buran, sul sito, si legge: Ci sono mondi che si raccontano, là fuori. Mondi distanti e differenti, voci che chiedono ascolto.
Buràn è una rivista letteraria che insegue e traduce storie dal Web di tutto il mondo, annullando distanze e silenzi. La sfida a cui non negarsi è quella di scoprire Scritture Invisibili: storie scritte in lingue inaccessibili, o che si perdono nel grande oceano della Rete.Buràn si articola secondo due scenari: il Materiale, che morde la realtà raccogliendo racconti, articoli, saggi, immagini e altri contributi intorno a temi concreti; l’Immaginario, che propone atmosfere e respiri e storie, portando sulla rivista l’altro e l’altrove della narrazione in rete.
Ci sono Mondi e Voci, là fuori. Noi siamo in ascolto.

Dateci un’occhiata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: