PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

frammenti da Opera di Carlo Bodoni #3

Posted by paolo fichera su febbraio 7, 2008

la danza è finita. le mani ora suonano una musica diversa da prima. Le stesse mani. Ora il corpo è deposto in un organo, nel metrò, nella musica asfittica di una metrica senza parole. La divina è senza commedia, è lasciata sola. La porta è aperta, la legione esce e vi rientra. Ogni parola ora è un macigno. Metterne in fila due è avere davanti a sé un abisso. Fissarne una terza è sentirsi persi. Tutto si lascia consumare. La follia dell’Arte, dove? Le barbe invecchiano i visi giovani: si di-me-na-no.

(da Opera di Carlo Bodoni)

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: