PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?

Posted by Mauro Daltin su febbraio 24, 2008

Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?
Visioni, musiche, parole dal mondo rom (che è anche il nostro mondo)

proiezione delle foto realizzate dai bambini
AUTOBIOGRAFIA DEL CAMPO e del cortometraggio CHI E’ CAPPUCCETTO ROSSO? di Eva Ciuk
testimonianza di EVA RIZZIN membro comunità italiana dei sinti
musica dei ŽUF DE ŽUR

martedì 26 febbraio 2008, ore 20.30 – TRIESTE – Teatro Miela

replica della serata con la proiezione del cortometraggio
KDO JE RDEČA KAPICA? di Eva Ciuk doppiato in sloveno
Con la musica del duo di ALESSANDRO SIMONETTO e ROBERTO DARIS
e altri ospiti

Martedì 18 marzo 2008, ore 20.30 – GORIZIA – Kinemax

ingresso libero

Organizza OSSERVAZIONE – centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti, associazione di promozione sociale (onlus) con sede a Firenze impegnata nella lotta contro l’anti-ziganismo e le violazioni dei diritti umani e per la promozione dei diritti di rom e sinti in Italia (www.osservazione.org).

in collaborazione con Cooperativa BONAWENTURA – TEATRO MIELA, KINEMAX – TRANSMEDIA srl, Comitato provinciale per l’UNICEF di TRIESTE, MEDITERRANEO FOLK CLUB – Laboratorio di studio e di ricerca sulle culture popolari, Associazione culturale IL NODO, ZSKD, Zveza slovenskih kulturnih društev – Unione dei Circoli Culturali Sloveni, SLOVENSKI DIJAŠKI DOM SREČKO KOSOVEL, TRST – Casa dello studente sloveno – Trieste

con il contributo di REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA – Assessorato alla cultura, CENTRO DI DOCUMENTAZIONE CINEMATOGRAFICA “Pietro Pintus” – BELLA, ZADRUZNA KRAŠKA BANKA Opčine-CREDITO COOPERATIVO DEL CARSO Opicina, SKGZ, Slovenska kulturno gospodarska zveza – Unione Economico-Culturale Slovena
“Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?” è la domanda che si sono posti gli operatori coinvolti nell’omonimo progetto di educazione alla multiculturalità che con la collaborazione del Comiato provinciale per l’UNICEF d Trieste e l’appoggio dell’Ufficio scolastico regionale per il Friuli Venezia Giulia verrà proposto alle scuole primarie per promuovere la conoscenza delle differenze ed una cultura della solidarietà e del rispetto dei diritti dei bambini. Alla luce di attuali fatti di cronaca, di numerosi fatti di discriminazione continua dei rom e dei sinti e di negazione dei diritti umani fondamentali diventa importantissimo stimolare i bambini e cioè la generazione che forgerà il mondo di domani, a valutare eticamente le conseguenze del proprio agire sul piano personale e sociale nei confronti delle comunità rom e sinti. Ed è di altrettanta importanza creare un’occasione di sensibilizzazione anche per un pubblico di adulti. Per una cultura di solidarietà e convivenza è importante che anche i genitori, gli insegnanti, gli educatori e in generale i cittadini riflettano sulle condizioni materiali, sulla cultura e sui luoghi comuni nei confronti delle comunità rom e sinte soprattutto in relazione alla situazione attuale.
Così, a riflettere sulla risposta alla domanda “Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?” abbiamo invitato anche “i grandi”: martedì 26 febbraio al Teatro Miela di Trieste e martedì 18 marzo al Kinemax di Gorizia verrà presentato il progetto pensato per i bambini, ma proposto anche ai grandi. Si inizierà con un po’ di musica dal vivo proposta dai ŽUF DE ŽUR che introdurranno la proiezione delle fotografie dal ciclo “Autobiografia dal campo”. Si tratta di foto scattate dai bambini dei campi del Friuli Venezia Giulia sotto la supervisione di CLAUDIO DOMINI, docente di storia di fotografia al DAMS di Gorizia – Università degli Studi di Udine e fondatore e membro dell’Istituto Studi Scientifici di Fotogiornalismo di Roma. “L’obiettivo è stato quello di fornire una documentazione dal mondo rom e sinti prodotta dal proprio interno, – racconta Domini – dunque “ripulita” da estetizzazioni e folklorismi tipici della fotografia professionale, anche quando realizzata con i migliori intenti umanitari. Uno sguardo autobiografico sul quotidiano dei bambini rom e sinti, fatto, come quello dei loro analoghi “gagi” (in romanès significa non rom e non sinto), di curiosità, giochi, studio, affetti famigliari.”
Si proseguirà poi con la proiezione del cortometraggio “Chi è Cappuccetto Rosso?” di EVA CIUK, che oltre ad aver firmato la regia del corto è stata anche l’ideatrice del progetto, su cui ha iniziato a lavorare circa due anni fa. “Quando nel 2005 sono stata in Kosovo per le riprese del documentario “RealitieS KosovA/O – voci di minoranze dimenticate” – produzione della KAIROS, Centro produzione video di Gorizia – mi ha colpito la serenità e l’allegria dei bambini e delle bambine del campo sfollati interni di Plementina/e, vicino a Pristina – racconta Eva Ciuk -. Abbiamo stretto amicizia con i rappresentanti del campo ed abbiamo deciso di portare la testimonianza dei bambini del campo nelle scuole della nostra regione. Così abbiamo posizionato la nostra telecamera e sullo sfondo che era tutto altro che da fiaba i bambini ci hanno raccontato Cappuccetto Rosso.” Così è nato il cortometraggio raccontato nella versione italiana da Pino Petruzzelli, attore genovese impegnato nel teatro sociale di denuncia, e nella versione in lingua slovena, che verrà presentata il 18 marzo a Gorizia, dall’attore Danijel Malalan. A contrastare la voce narrante del racconto della fiaba è invece Cappuccetto Rosso, un cartone animato inventato dall’illustratrice Živa Pahor, animato dalla società MoviMenti di Saronno (VA) e interpretato nelle due lingue dalla attrice Nikla Petruška Panizon. Il conttributo degli attori al progetto è stato volontario.
La serata non è un evento che vuole raccontare in modo folklorico “la bellezza della cultura rom e sinta”. È un momento d’incontro che vuole farci riflettere sulla situazione di grave disagio e di contraddizione sociale in cui vivono oggi i rom e i sinti. Ma che vuole farlo con linguaggi diversi: la musica, le immagini fotografiche, l’esperienza filmica. Porterà la sua testimonianza la dott.ssa EVA RIZZIN, appartenente alla comunità italiana dei sinti, nata e cresciuta a Udine e da tempo impegnata nella lotta all’antiziganismo con le organizzazioni OsservAzione (organizzatrice dell’evento triestino) e Sukar Drom di Mantova. “I rom e i sinti sono la cartina di tornasole con cui misurare il nostro pregiudizio, le nostre paure, l’allargamento dello stato d’eccezione a discapito della giustizia – spiega Lorenzo Monasta, membro di Osservazione – . A guardare bene, siamo tutti rom e sinti, perché tutti diventiamo vittime delle categorie che costruiamo per poi caderci dentro. Ma siamo incapaci di considerare rom e sinti come realmente sono, tanto sono coperti dalla proiezione delle nostre insicurezze.”
E per finire: i ŽUF DE ŽUR, gruppo musicale del goriziano che ha realizzato le musiche per il cortometraggio “Chi è Cappuccetto Rosso?”, proporranno una riflessione musicale che trae ispirazione da musiche e canzoni rom, istriane, friulane e slovene, passando dai timbri sonori balcanici. Il loro progetto musicale si rifà alla cultura mitteleuropea e il loro intento è di fondere ed esprimere al meglio la plurietnicità di chi vive in queste terre tentando di coinvolgere l’ascoltatore nel superamento di pregiudizi e chiusure.

La serata verrà riproposta martedì 18 marzo al Kinemax di Gorizia e prenderà il titolo “KDO SE BOJI RDEČE KAPICE?”. Durante l’evento presentato in italiano e in sloveno verrà proiettato il cortometraggio di Eva Ciuk “Kdo je Rdeča Kapica?” doppiato in lingua slovena dagli attori Danijel Malalan e Nikla Petruška Panizon. La versione slovena del cortometraggio, resa possibile grazie all’appoggio delle SKGZ – Slovenska kulturno gospodarska zveza-Unione Economico-Culturale Slovena e ZSKD – Zveza slovenskih kulturnih društev – Unione dei Circoli Culturali Sloveni, da la possibilità di proporre il progetto anche nelle scuole primarie con insegnamento di lingua slovena.
Durante la serata verranno riproposte le fotografie dal ciclo “Autobiografia dal campo” scattate dai bambini dei campi nomadi del Friuli Venezia Giulia e proiettate con una cornice musicale del duo formato da ALESSANDRO SIMONETTO (violino) e ROBERTO DARIS (fisarmonica). Lo straordinario e apprezzatissimo duo è impegnato nell’esecuzione delle più famose czarde, gitanerie e musiche dell’Europa Centro orientale e propone questo genere partendo dalla tradizione e dalla tecnica musicale originale, con pregevoli originalità negli arrangiamenti e nell’esecuzione.
Sono stati invitati anche l’Assessore alla cultura della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Roberto Antonaz e Jožek Horvat Muc presidente della Romanì Union della Slovenia che hanno già confermato la loro presenza

Ufficio stampa Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?/Kdo se boji Rdeče Kapice?
osservazione@gmail.it – cell. 333 7448623

per saperne di più:
1 sulla situazione rom e sinti contattare LORENZO MONASTA (cell. 339 4993639) o EVA RIZZIN (cell. 393 7878880), membri di OsservAzione;

2 EVA CIUK (cell. 333 7448623) coordinatrice del progetto “Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?” e regista del cortometraggio “Chi è Cappuccetto Rosso?”

3 CLAUDIO DOMINI (cell. 349 0701495) coordinatore del progetto di fotografia “Autobiografia del campo”

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: