PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Eltjon Valle MARINZ The National Gallery of Arts Tirana

Posted by paolo fichera su ottobre 31, 2008

Eltjon Valle
MARINZ
A cura di Francesco Poli e Rubens Shima
THE NATIONAL GALLERY OF ARTS TIRANA
07.11.08 – 07.12.08

Concentrare l’attenzione sull’espressività primaria dei materiali, non quelli tradizionali della pittura e della scultura ma quelli di fondamentale importanza della dimensione urbana e naturale, è senza dubbio uno dei contributi più rilevanti dell’arte processuale e ambientale degli anni ‘60/’70. Questa genere di esperienze caratterizzate da installazioni e interventi che coinvolgono anche direttamente la realtà esterna è stata ripresa in modo originale da parecchi artisti internazionali delle ultime generazioni, e sviluppata con una consapevolezza molto più avvertita delle implicazioni sociali, politiche e ecologiche a livello di impatto globale. Anche Eltjon Valle ha deciso di andare in questa direzione, impegnandosi in una complessa ricerca elaborata con diverse modalità operative (che vanno dall’installazione al video, dalla foto ai dipinti e disegni) su una materia prima di cruciale importanza, il petrolio. Fonte di energia alla base dello sviluppo economico di tutti i paesi del mondo, e purtroppo causa di gravissime tensioni e di guerre terribili, l’oro nero ha un valore strategico assoluto, e come tale rappresenta anche dal punto di visto simbolico un elemento carico di significati che impregnano l’immaginario collettivo. Mettere in gioco in un progetto artistico il petrolio, e tutto ciò che esso significa, è una sfida non di poco conto. Eltjon Valle lo ha fatto riuscendo a trasformare, con grande efficacia, una esplorazione sul campo (e proprio su una specifica area di campi petroliferi in Albania) in una operazione carica di autentiche energie estetiche, che partendo dalle problematiche di una circoscritta situazione reale, da vita a una articolata visione multipla, a diversi livelli.

Il tema centrale del suo lavoro ha una precisa connotazione ecologica (che comunque stimola riflessioni e suggestioni più ampie). La compagnia canadese Bankers Petroleum Ltd, che ha rilevato dalla compagnia di stato albanese Albpetroleum la concessione dell’area petrolifera di Patos Marinza, di trentadue chilometri quadrati con centinaia di pozzi, ha incaricato l’artista di studiare e elaborare un intervento che contribuisca, a livello di immagine e di sensibilizzazione culturale, ad avviare un processo di bonifica di un territorio fortemente inquinato a causa di pratiche estrattive tecnologicamente arretrate. Il progetto di Valle prevede la realizzazione di interventi “site specic” su una serie di pozzi, con lo scopo di trasformare una condizione di degrado ambientale in un segnale estetico forte che indichi la volontà di una radicale inversione di tendenza per il futuro. La mostra alla Galleria nazionale d’arte di Tirana è una sorta di documentazione di questo work in progress, ma non in senso banalmente descrittivo. I dati informativi, le carte topografiche, le immagini fotografiche e video, e anche il petrolio stesso diventano materiali per una serie di opere che nel loro insieme formano un installazione ambientale con elementi strettamente interconessi. Al centro della grande sala sono collocati su dei cubi neri due pezzi di terreno, ciascuno di un metro quadrato, spessi circa venti centimetri e intrisi di petrolio. Per il pubblico è forte l’impatto sensoriale, non solo quello visivo, perché l’acre odore del petrolio espande in tutto l’ambiente. Questa presenza fisica così pregnante crea una particolare atmosfera che carica di suggestione anche gli altri lavori.

Il video che ci mostra da una prospettiva ravvicinata l’attività dei pozzi acquista una più forte intensità reale così come le poche ma emblematiche grandi foto che mostrano, nella sua oleosa densità organica il liquido nero che trasuda dal terreno o inquina piccoli corsi d’acqua che attraversano dei prati. Di più analitica freddezza concettuale è la serie di disegni su carta translucida dove la sintetica definizione topografica dei pozzi numerati e degli appezzamenti scanditi da griglie di strade e stradine, diventa attraverso una libera elaborazione una sorta di proliferante composizione astratta minimalista. E infine, ci sono anche due quadri di grande misura, realizzati su tela con il petrolio al posto della pittura a olio. Il risultato è piuttosto drammatico:sono superfici scure con spessori bituminosi e sgocciolature da cui emergono appena visibili dei volti umani giallastri. Forse questi singolari dipinti si possono anche leggere come un monito sui rischi di una futura possibile catastrofe ecologica.

FRANCESCO POLI

THE NATIONAL GALLERY OF ARTS TIRANA
Blv. Deshmoret e Kombit, Tirana (Albania)
Tel/Fax: 003554233976
E-mail: national.gallery.tirana.albania@gmail.com
Web: http://www.onufri.info, http://www.eltjonvalle.com

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: