PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

tessere il vuoto

Posted by paolo fichera su novembre 26, 2008

locandinainvio1TRENTAQUATTROCINQUANTOTTO ARTE CONTEMPORANEA

via Inferiore 26, 31100 Treviso – telefono: +39 0422 582404

DAL 29 NOVEMBRE 2008 AL 17 GENNAIO 2009 INAUGURAZIONE: 29 NOVEMBRE 2008 ORE 18.30

tessere il vuoto

personale di IVAN DE MENIS curatore: Carolina Lio

Ivan De Menis è un artista che cresce velocemente, che resta nel campo di azione dell’informale, ma che lo gioca cambiando spesso le regole. Queste regole sono i tipi di colori, di forme, di disposizioni nello spazio. E potremmo chiamarle più efficacemente delle direzioni, in quanto seguono un avanzamento preciso verso una pulizia sempre più evidente. I colori diventano sempre più chiari, le forme regolari e lo spazio si geometrizza. Così si arriva alle famose “tessere” che vengono richiamate dal titolo della mostra e che altro non sono che tasselli, sovrapposizioni di tela e tessuti di forma irregolarmente squadrata che formano scacchiere chiare o con colori sobri, simili a volte agli scacchi o comunque a qualche altro gioco magari non ancora inventato.
Queste disposizioni sono in realtà delle “forma mentis”, modelli di pensiero resi razionali e controllati per uno studio che l’artista tenta di compiere sui processi umani, apparentemente schematici, che sembrano rifarsi a dei modelli di cosa viene ritenuto giusto e normale, ma che nascondono un insieme di difficoltà coperte da questo apparente “far quadrare i conti”. L’ordine di superficie è infatti ottenuto, nelle sue opere, da un processo di sovrapposizione, di aggiunta, strato su strato, messi insieme e amalgamati da un colore che quasi li cuce. Per questo il “tessere” del titolo ha una valenza anche verbale e rimanda a un’operazione manuale lenta, laboriosa, riflessiva che di fatto fa parte del processo creativo di De Menis.
Infine, che cos’è il vuoto che viene tessuto, il vuoto su cui si muovono le tessere e che viene costruito in una contraddizione in termini? E’ un vuoto strutturato, complesso, quindi in realtà pieno, un vuoto finto, che emerge dall’analisi del mondo e dell’umanità contemporanei sotto forma di una omogeneità standardizzata. Un vuoto apparente, una spennellata di bianco che va a coprire un quadro complessissimo, decisamente viscerale, spesse volte cromaticamente reso con colori cupi come un bordeaux sanguigno o un blu intenso e buio, di cui però in superficie non vediamo che qualche traccia e suggerimento, essendo il tutto coperto da una facciata leggera, pacata, appunto bianca (Carolina Lio)

ORARI DI APERTURA: Dal Martedì al Sabato dalle ore 16.00 alle 19.30. Sabato anche dalle 10.00 alle 12.30.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: