PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

La Mirabile Visione

Posted by paolo fichera su dicembre 12, 2008

La Mirabile Visione è una lettura antologica – introdotta e commentata da Luigi Scorrano e interpretata da Simone Giorgino – del primo lavoro letterario attribuito con certezza a Dante Alighieri, la Vita Nova, opera in versi e prosa che il poeta scrisse prima dei trent’anni, fra il 1292 e il 1293. La vicenda si incentra intorno a un’esperienza d’amore idealizzata, quella del poeta per Beatrice, ripercorsa in un avvincente diario intimo che alcuni fra i più autorevoli critici considerano preludere alla Divina Commedia. La Mirabile Visione si sofferma su alcuni frammenti scelti dell’opera: il primo incontro, avvenuto a soli nove anni, fra Dante e Beatrice; il saluto di lei, di nove anni successivo, che incoraggia il poeta, turbato e confuso, a descrivere il proprio amore per la donna amata; il sogno/profezia della morte di Beatrice; e, infine, l’anticipazione del “poema sacro”.

Luigi Scorrano

È un autorevole dantista, curatore, con Aldo Vallone, di un importante commento alla Divina Commedia. Fra le sue opere in volume figurano: Modi ed esempi di dantismo novecentesco (1976), Presenza verbale di Dante nella letteratura italiana del Novecento (1994), Tra il “banco” e “l’alte rote”. Letture e note dantesche (1996), Il Dante “fascista”. Saggi, letture, note dantesche (2001).

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: