PaginaZero

RIVISTA DI CULTURE DI FRONTIERA

Archive for 15 marzo 2007

Jaroslav Mogutin

Posted by pasha39 su marzo 15, 2007

(a cura di paolo galvagni)

La morte di Miša Beautiful

   Alcuni amici moscoviti, recentemente di passaggio a New York, mi hanno riferito una notizia scioccante: in prigione è stato ucciso Miša Beautiful. La storia della sua breve vita – proprio nello spirito di Jean Genet, di Williams Burroughs, Fassbinder o di Gus Van Sant (1) – potrebbe diventare un buon materiale per un libro o un film. Il suo nome non appariva nelle cronache mondane. D’altronde, nessuno sapeva il suo vero nome né l’età. Dicevano che al momento della morte avesse 19 anni. La sua morte  non è stata annunciata nei necrologi ed è improbabile che qualcuno ne parli, oltre a me.
   Senza Beautiful non si sarebbe svolta nessuna festa, legata alla droga o al rave. Lo conoscevano quasi tutti. Era una delle esotiche creature della notte, uno dei ragazzi – ragazze, su cui tutto ciò si regge in qualunque capitale del mondo. Qui, a New York, li chiamano club kids o party kids – bambini della festa.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Posted in REPORTAGE | Leave a Comment »

L’editoria italiana 4° in Europa

Posted by paolo fichera su marzo 15, 2007

editoria.jpg

Simmaco ha presentato i risultati di una ricerca esplorativa condotta sul mercato dell’editoria italiana, messa a confronto con i mercati degli altri Paesi europei. Quello italiano è risultato essere il quarto in Europa, e il sesto nel Mondo, con un fatturato di oltre 4 mld di euro nel 2005 (circa il 50% di quello tedesco e inglese, il 25% di quello francese). Dall’analisi comparata con i mercati di Germania, Regno Unito, Francia e Spagna (1995/2205), emerge anche che l’Italia ha sensibilmente ridotto il divario nei confronti delle altre nazioni sul piano della produzione, distribuzione e consumo dei libri, grazie al processo di trasformazione e crescita più intenso. Per quanto riguarda la lettura, nel 2005 i lettori in Italia erano circa 29 mln (53,1% della popolazione con più di 6 anni), con una media non molto inferiore rispetto a quella dei primi 15 paesi dell’Unione (45%). Il punto di debolezza del mercato emerso dall’indagine è rappresentato dai cosiddetti libri “utili” (manualistica, scienza e tecnologia, formazione). Nell’ultimo decennio, però, l’industria libraria italiana ha dato prova di grande vitalità: il fatturato è cresciuto mediamente del 2,5% annuo, con una crescita dell’11% dei lettori. Anche la concentrazione delle superfici distributive, la dimensione media degli editori e le loro internazionalizzazione sono aumentate, ma restando elementi di debolezza all’interno del sistema. Infine, il prezzo dei libri in Italia è cresciuto più dell’inflazione, con un +27% negli ultimi 10 anni, mentre solo in Spagna l’aumento è stato più alto. L’incremento ha mascherato, così come in Francia, una sostanziale stazionarietà del numero dei libri.
Simmaco Management Consulting è una società specializzata nelle industrie della comunicazione.
Tratto da “BOOKSHOP”, Marzo 2007

Posted in EDITORIA | Leave a Comment »

Bon Voyage di Božidar Stanišić

Posted by Mauro Daltin su marzo 15, 2007

bon-voyage.jpg

Recensione di Maurizio Mattiuzza
Bon Voyage di Božidar Stanišić – Nuova Dimensione editore

Chissà quanti sono ancora i libri che hanno, come questo, oltre che una profondità impareggiabile anche il pregio, sempre più raro, di farci capire il nostro altrove
Che ci spingono ad arrovellarci, a cercare, tra le migliaia di frasi fatte che affollano il silenzio rumoroso dei nostri treni e delle vite che la ci raccontiamo, quell’unica parola che ha, da sola, l’ardire di dire e di sapersi vera.
Forse il titolo che ha scelto Božidar Stanišić per questa sua avventura narrativa aperta da una grande prefazione di Paolo Rumiz, è una speranza, un augurio o forse, anche e di più, un annuncio amaro. Un avviso riservato a chi ancora non ha inteso fino in fondo la direzione e il verso di quel binario che chiamiamo storia e ancora non realizza che è da quelli che oggi, come allora , sono dovuti e devono andare via, dai via(a)ndanti, che si impara sempre cosa vuol dire partire e anche, forse, soprattutto dover per forza stare.
Uomini e donne in cerca di una pausa dalla fuga che la penna lucida e concreta di questo ottimo autore coglie qui nell’atto di riavvolgere il filo che annoda le conseguenze dell’ inferno che ha dissolto la jugoslavia, alla necessità, impellente, di trovarsi a scavare per primi dentro le pieghe assonnate ed indifferenti di questo “male occidentale” che noi, sempre più straniti e consumati, sembriamo non vedere più… Leggi il seguito di questo post »

Posted in LIBRI | 2 Comments »